Cosa vogliono fare ai nostri figli? (…e di conseguenza a noi) – 3

Gli “esperti” francesi, il “comitato tecnico-scientifico” italiano…

Documento di un organo ufficiale tedesco, più precisamente del ministro della Cultura della regione tedesca della Sassonia, con le linee guida per il ritorno a scuola dei bambini:
http://schule-sachsen.de/20_05_16_Elternbrief_GS_FS.pdf

Nella missiva di tre pagine si prevede che lo Stato tedesco possa “prendere in custodia” i bambini, se i loro genitori non compileranno un modulo nel quale attestano l’assenza di positività al Covid dei loro figli o di altri membri della loro famiglia.
Si precisa inoltre che il modulo nel quale si dichiara che nè i bambini nè i genitori hanno sintomi da Covid deve essere compilato quotidianamente.

Vi invito a leggere il seguente articolo:
https://lacrunadellago.net/2020/05/29/in-germania-lo-stato-togliera-i-bambini-alle-famiglie-che-non-firmeranno-il-certificato-anti-covid/

Un genitore, che non sia un operatore sanitario, non è in grado di assumersi tale responsabilità né dovrebbe farlo, ma viene comunque obbligato a controfirmare il documento poiché, in mancanza di questo o in presenza di un’autocertificazione fallace, il governatore del Land (la Sassonia) ha previsto pesanti azioni contro le famiglie in questione (fino, appunto, al prelievo forzato il minore per metterlo sotto la gestione di strutture socio-assistenziali).

Francia, Italia e Germania, i 3 paesi più grandi fondatori della UE.

Il manuale di diritto europeo in materia di diritti dell’infanzia e dell’adolescenza cita testualmente: 

  • I minori sono titolari di diritti, piuttosto che solo soggetti da tutelare. Sono beneficiari di tutti i diritti umani/fondamentali.
  • Gli Stati hanno obblighi positivi di garantire il godimento effettivo da parte dei minori del diritto al rispetto della vita familiare, che comprende il diritto a non essere separato dai genitori, a meno che ciò non sia nel suo interesse superiore.

Sarebbe quindi il “virus”, che ha una mortalità inferiore all’influenza (1) e che, comunque, è ormai clinicamente morto (2), che permetterebbe di sottrarre il bambino ai genitori nel suo interesse superiore? 

(1) https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.04.26.20079822v2
Solo lo 0,01% è deceduto a causa del Covid.

(2) https://www.agi.it/cronaca/news/2020-06-01/cosa-pensano-virologi-virus-morto-zangrillo-8784242/
Diversi virologi di punta hanno condiviso e spiegato meglio il punto di vista del Dott. Zangrillo, che però, guarda caso, è stato ostracizzato dal comitato tecnico-scientifico italiano e sminuito anche dall’OMS.

Sarebbe questo, il rispetto del diritto UE della vita familiare?

Più si va avanti in questa crisi, più emerge una precisa volontà di disgregare le famiglie, il tessuto connettivo delle nazioni, che nulla ha a che vedere con la salute.

Dopo “genitore uno” e “genitore due”, dopo la proposta di abolire i termini di “moglie” e “marito” per sostituirli con un neutro “spouse” (come “suggerito” dall’ONU), questa precisa volontà appare sempre più evidente.

NON PERMETTIAMOGLIELO!!!


Fonti:
https://lacrunadellago.net/2020/05/29/in-germania-lo-stato-togliera-i-bambini-alle-famiglie-che-non-firmeranno-il-certificato-anti-covid/

http://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2020/06/francia-italia-sassonia-sorie-di.html

https://www.echr.coe.int/Documents/Handbook_rights_child_ITA.pdf#page101

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.04.26.20079822v2

https://www.agi.it/cronaca/news/2020-06-01/cosa-pensano-virologi-virus-morto-zangrillo-8784242/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.