PUBBLICITÀ CIBO PER BIMBI: EFFETTI INDESIDERATI

Cibo per bambini e pubblicità: effetti indesiderati

Le pubblicità televisive con persone che sgranocchiano patatine fritte, cereali, che stanno all’ombra di un mulino a gustarsi brioches ripiene di cioccolato, hanno molta più presa sui bambini e gli adolescenti rispetto alle pubblicità di telefoni cellulari o delle auto.
Indipendentemente dal loro peso corporeo, l’attività cerebrale dei ragazzi è più alta durante la pubblicità che sponsorizza cibo rispetto a quella di prodotti non alimentari; infatti secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience.
Il professore di psicologia Ashley Gearhardt dell’Università del Michigan coadiuvato da altri ricercatori, ha svolto uno studio sulla relazione tra obesità e la risposta neurale alle pubblicità alimentari, scoprendo cose piuttosto interessanti.

I bambini vedono una quantità enorme di pubblicità ogni anno, pubblicità che azionano un aumento del loro desiderio di cibi ricchi di zuccheri, grassi e salati. Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato come i cervelli dei ragazzi vengano letteralmente assediati e stimolati dagli spot pubblicitari dei cibi.

Esperimento sulla pubblicità

Trenta adolescenti tra i 14 e i 17 anni che andavano da un peso nella norma all’obesità hanno dovuto guardare un programma televisivo che veniva  interrotto dalla pubblicità. La loro attività cerebrale è stata misurata con uno scanner a risonanza magnetica funzionale.
Il video mostrava 20 spot alimentari e 20 spot non alimentari, caratterizzati da grandi marchi come McDonald’s, Cheerios, AT&T (compagnia telefonica Statunitense) e Allstate Insurance. Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di elencare cinque spot che avevano visto e di dare un voto sull’apprezzamento del prodotto o del marchio.
Le regioni del cervello legate all’attenzione, alla ricompensa e al gusto erano rimasti attivi in tutti i partecipanti, soprattutto quando andavano in onda le pubblicità degli alimenti. La quasi completa maggioranza degli adolescenti aveva ricordato e apprezzato più gli spot alimentari che quelli non alimentari.
I ragazzi con peso considerato normale, avevano una maggiore attività cerebrale di ricompensa quando visualizzavano gli spot alimentari rispetto agli adolescenti obesi; ciò suggerisce che tutti gli adolescenti, anche quelli che non sono in sovrappeso, sono influenzati dalla pubblicità alimentare e che l’esposizione continuata a questo genere di spot, potrebbe portare a un futuro aumento di peso in chi ancora pesa normalmente.
I partecipanti obesi invece rispondevano agli spot alimentari con maggiore controllo, infatti lo studio dimostrava che i ragazzi cicciotti avessero sviluppato una sorta di assuefazione.

Nei ragazzi obesi però, a seguito dei bombardamenti frequenti degli stimoli alimentari, l’auto-controllo potrebbe vacillare, soprattutto in presenza di stress, fame o depressione.

I dati delle regioni del cervello più sensibili negli adolescenti magri durante la pubblicità di cibo, sono stati collegati con possibilità marcate di aumento di peso nella vita futura degli individui.

Questi nuovi risultati possono arricchire gli attuali dibattiti circa l’impatto della pubblicità dei prodotti alimentari sui minori.
Il problema dell’induzione al consumo illimitato di cibo, oltre che un pericolo per la salute, si dimostra anche un problema etico legato alla ridistribuzione della ricchezza nel Mondo. L’obesità è una di quelle malattie che vengono definite “malattie del benessere” o preferirei chiamarle “malattie del consumismo”.

Vi voglio lasciare con questo aneddoto di Alfred Korzybski, uno scienziato e filosofo polacco, famoso per aver sviluppato la teoria della semantica generale, secondo cui l’essere umano è limitato dalla struttura del suo sistema nervoso e da quella del suo linguaggio:

“Un giorno, mentre teneva una lezione ad un gruppo di studenti, s’interruppe per prendere dalla sua borsa un pacchetto di biscotti avvolto in un foglio bianco. Borbottò che aveva solo bisogno di mandar giù qualcosa, e offrì i biscotti agli studenti seduti nella prima fila. Alcuni ne accettarono uno. – Buoni questi biscotti, non vi pare? – disse Korzybski dopo averne preso un secondo. Gli studenti masticavano vigorosamente. Poi tolse il foglio bianco mostrando il pacchetto originale.

Sul quale c’era l’immagine di una testa di cane e le parole ‘biscotti per cani’. Gli studenti videro il pacchetto e rimasero scioccati. Due di loro si precipitarono fuori dall’aula verso i bagni tenendo le mani davanti alle bocche. – Vedete signori e signore? – commentò Korzybski – ho appena dimostrato che la gente non mangia solo il cibo, ma anche le parole, e che il sapore del primo è spesso influenzato dal sapore delle seconde”.

Fonte: http://www.psicosocial.it/pubblicita-cibo-bambini-effetti-indesiderati/ 

Credit image: j.dopf

20 thoughts on “PUBBLICITÀ CIBO PER BIMBI: EFFETTI INDESIDERATI

  1. Hmm it looks like your blog ate my first comment (it was extremely long) so I guess I’ll just sum it up
    what I submitted and say, I’m thoroughly enjoying your
    blog. I too am an aspiring blog writer but I’m still new to the whole thing.
    Do you have any tips for novice blog writers?

    I’d really appreciate it.

    • Many thanks for your kind words and sorry for the delay in my answer to you. I’m also new in the blog writers world and your comments was lost, now I recovered it 🙂
      From a technical point of view I can surely recommend you WordPress and the yearly service for 49 Euro. It is very easy to use and the support is really a great one! They assist you in every step and if don’t understand something you have at your disposal a personal “coach”.
      From a writer point of view…just one tip…always write the truth and share it as much as you can.

  2. I blog quite often and I truly thank you for your content.
    This article has really peaked my interest.
    I’m going to book mark your website and keep checking for new details about once per week.
    I opted in for your RSS feed as well.

    • Many thanks Elida, I’m happy to understand the things I’m publishing may be of interest to you.
      As much interest and sharing there is on this kind of issues, as much chances we have to solve them so a big thanks to you!!
      Andrea

    • What is fastidious for me is that the tv is used to promote harmful things among children…then one can choose to let their children do that on other tv channels (we live in the globalization) and at any time.
      A real blog, in my opinion, must provide trustful information for the common benefit…even if this information is fastidious to someone but it is the truth.

  3. Just want to say your article is as amazing. The clarity in your post is just spectacular
    and i can assume you are an expert on this subject.
    Fine with your permission let me to grab your feed to keep
    up to date with forthcoming post. Thanks a million and
    please keep up the enjoyable work.

    • Thanks to you.
      No problem at all…permission approved 🙂
      If you have anything to post just let me know…any help is surely appreciated.

  4. We’re a group of volunteers and opening a new scheme
    in our community. Your web site provided us with valuable info to work on. You have done an impressive job and our whole community will be thankful to you.

    • Many thanks to you!!
      I’m very pleased the information provided could be useful to your community.
      Any help to keep true information alive will be surely appreciated 🙂

  5. Hello! Do you use Twitter? I’d like to follow you if that would be okay. I’m undoubtedly enjoying your blog and look forward to new posts. bdkeekbcegdd

    • Hi, many thanks for your kind message!
      Yes I use Twitter…you can see it on the top of the page (right side).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website