BILDERBERG: I SITI INTERNET DI TUTTO IL MONDO PARLANO DELLA CORAGGIOSA DENUNCIA DI ALFONSO LUIGI MARRA

BILDERBERG: I SITI INTERNET DI TUTTO IL MONDO PARLANO DELLA CORAGGIOSA DENUNCIA DI ALFONSO LUIGI MARRA

Il 10 Aprile, il noto sito internet americano di controinformazione Infowar, curato e diretto da Alex Jones, è tornato a menzionare la denuncia presentata lo scorso anno da Alfonso Luigi Marra nei confronti del Gruppo Bilderberg. Alex Jones si era già occupato tempo fa della questione in un lungo articolo (questo è il link: http://www.infowars.com/italian-lawyer-demands-public-prosecutor-investigate-bilderberg-group/) interamente dedicato alla denuncia di Marra.

Anche il noto sito Intellihub.com ha dato grande risalto alla cosa, in un recente articolo dedicato alla riunione del 2014 di quella associazione a delinquere internazionale denominata Bilderberg. Questo è il link: http://intellihub.com/bilderberg-2014-uncovered-secretive-elite-meet-denmark/ nel quale viene chiaramente ribadito: «Last year, Italian lawyer Alfonso Luigi Marra requested  that the Public Prosecutor of Rome investigate the clandestine organization for criminal activity, questioning whether the group’s 2011 meeting in Switzerland led to the selection of Mario Monti as Prime Minister of Italy».

Intelluhub è uno dei siti più visitati negli Stati Uniti da quella crescente percentuale della popolazione che non crede più nelle bugie dell’informazione ufficiale di regime e che pretende un reale cambiamento della società. Con oltre 472 milioni di visite complessive, infatti, dimostra di essere un sito leader nel settore dell’informazione, superando persino i siti di molti diffusi quotidiani.

La denuncia presentata da Alfonso Luigi Marra il 1° Febbraio 2013 contro il gruppo Bilderberg non è stata certamente la sola. Altre denunce simili sono state presentate, sia negli Stati Uniti che in Europa, ma si tratta in ogni caso di quella che ha fatto più rumore a livello mediatico da un punto di vista internazionale. Ne hanno infatti parlato, in tutto il mondo, centinaia di siti e di blog, trovando spazio persino su siti russi, cileni, israeliani, della Repubblica Ceca e dell’Arabia Saudita.

E in Italia, dove la denuncia è stata presentata? In Italia tutto tace, a dimostrazione di come nel nostro Paese l’informazione sia di fatto censurata, controllata, irreggimentata ed omologata. Vi è infatti, notoriamente, maggiore libertà di informazione in un Paese come gli Stati Uniti d’America, dove pure i cittadini sono sorvegliati e spiati come in poche altre aree del mondo, che in Italia. E non solo qui i mezzi d’informazione evitano accuratamente (e sistematicamente) di dare spazio a ciò che è scomodo per il ‘sistema’, ma un ruolo di primo piano nell’insabbiamento lo svolgono proprio le procure, non facendo il loro dovere. Quelle procure che, in nome del Popolo Italiano, dovrebbero indagare e perseguire i reati, ma che troppo spesso tengono le denunce più scomode e scottanti nei cassetti, condannandole ad un’inesorabile archiviazione. La stessa sorte che, a quanto pare, vorrebbero che toccasse alla denuncia di Alfonso Luigi Marra, che da oltre un anno giace inascoltata nei cassetti della Procura di Roma.

È di oggi (14 Aprile) la lettera aperta che l’Avvocato Marra ha rivolto al Dr. Giuseppe Pignatone, Procuratore della Repubblica della Capitale, pubblicata su Signoraggio.it; lettera con la quale Marra torna a parlare con termini molto chiari e perentori del Gruppo Bilderberg «che la magistratura deve fermare d’urgenza, e non può più né ignorare né processare per assolverlo, perché è pur vero che i delitti sono presunti fino alle condanne definitive, ma in questo caso nessuno ha dubbi che questa sia pur potentissima e ricchissima feccia vada fermata, visto che in Italia l’azione penale è obbligatoria e non occorrono chissà quali consapevolezze giuridiche per capire l’illiceità del suo operato». Di fronte all’evidenza dei delitti del Bilderberg – continua Marra nella sua lettera – occorre intervenire con la massima veemenza e urgenza. Qualcuno potrebbe altrimenti obiettare che la magistratura italiana non interviene per gli stessi motivi per i quali non interviene nessun’altra magistratura del mondo. Ma sarebbe un’asserzione giuridicamente molto errata.

Servirà questa lettera a scuotere le coscienze della Procura di Roma? Servirà questa lettera a scuotere le coscienze dei giornalisti, di quei giornalisti che da troppo tempo evitano di invitare Marra nelle loro trasmissioni?

Una cosa è comunque certa: nel mondo gli equilibri stanno rapidamente cambiando, come si evince dagli sviluppi della crisi ucraina e dal ruolo di primo piano che stanno assumendo i paesi del BRICS (Brasile, Russia, India, Cine e Sud Africa). Già da tempo le lobby di potere che stanno dietro ad organizzazioni come il Pinay, il Bilderberg, l’Ert Europe e la Trilaterale, che per troppo tempo hanno spadroneggiato, decidendo sulla testa dei cittadini e dei popoli, vengono pesantemente messe alle corde da poteri che hanno loro dichiarato apertamente guerra. Tanto che tali lobby hanno dovuto rivedere molti dei loro progetti, già pianificati, per l’attuazione del loro Nuovo Ordine Mondiale.

Molti elementi tendono a confermare che, su scala globale, il vento stia finalmente cambiando. Ritengo, pertanto, che anche se non saranno le procure a processare i membri di certe organizzazioni criminali, arriverà per loro in ogni caso e molto presto una nuova Norimberga.

Autore: Nicola Bizzi

Fonte: http://xena05.wordpress.com/2014/04/15/nicola-bizzi-bilderberg-i-siti-internet-di-tutto-il-mondo-parlano-della-coraggiosa-denuncia-di-alfonso-luigi-marra/

Foto: http://hoszhana.files.wordpress.com/2013/06/bilderberg-group.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.