LE COSE IMPORTANTI DELLA VITA (E COME CE NE FREGHIAMO)

Le cose importanti della vita (e come ce ne freghiamo)


Quasi ognuno di noi sa molto bene quali sono le cose davvero importanti nella sua vita. E poi se ne sbatte le balle.

Il tempo è l’unica vera ricchezza che possediamo. Con questo articolo voglio mettere in discussione il modo in cui buona parte di noi lo spende.

Vi faccio una domanda: quali sono le cose che ritenete davvero importanti nella vostra vita?

Un giorno in cui mi sentivo particolarmente privo di equilibrio, ho voluto rispondere io stesso e ho messo per iscritto una lista. Prima ancora di finire di scrivere, però, mi ero già reso conto che alla maggior parte di quelle cose dedicavo poco o nessun tempo.

Ci sono rimasto male. Parlo tutti i giorni di ricerca della felicità, di eliminare il superfluo e dedicarsi al necessario, e nonostante tutto quello che ho fatto in questi anni la mia risposta assomigliava sempre di più a un elenco di cose che non facevo. Strada da fare ne ho ancora tanta.

Ho voluto estendere la questione anche ad altre persone, e ho chiesto aiuto a una dozzina di volontari, lettori abituali di questo sito. Per prima cosa ho chiesto loro di scrivere una lista delle cose che reputano importanti.

Non pretendo che dodici miei lettori siano un campione statistico molto rappresentativo, ma i risultati sono comunque interessanti.

  1. Relazioni (10 su 12): per dieci persone su dodici sono importanti le relazioni con gli altri, come l’amore, l’amicizia o il rapporto con i parenti.
  2. Subito dopo troviamo la salute (9 su 12), la nostra e quella altrui.
  3. A pari merito (7 su 12) troviamo aspetti legati alla crescita personale (miglioramento, realizzare i propri progetti) e alle proprie passioni (hobby, natura).
  4. Il lavoro viene nominato per quarto (6 su 12) ma sempre in termini legati alla soddisfazione che ne deriva. Si vorrebbe cioè fare qualcosa di utile al prossimo, o che almeno sia svolto in un contesto sereno.
  5. Solo in ultima posizione (4 su 12) arriva la sicurezza economica: soldi, stabilità, casa.

A questo punto ho chiesto loro di farmi uno schema temporale di una giornata tipica, cioè quanto tempo dedicano alle varie attività, come mangiare (4 anni e mezzo per 24 ore al giorno in una vita!!), dormire (26 anni in una vita!!), lavorare (11 anni per 24 ore al giorno in una vita!!), guardare la tv (11 anni in una vita!!) etc. Una breve analisi ha confermato la mia supposizione: sembra quasi che impieghiamo il tempo seguendo quella lista al contrario.

Escludendo pure il tempo necessario per il riposo e i pasti, in media la maggior parte delle giornate è dedicata ad attività lavorative, cioè all’ultimo punto. Per quasi tutti gli intervistati, però, non è qualcosa di soddisfacente, violando così una priorità considerata più alta.

Tantissimo tempo è dedicato ad attività che non sono nemmeno in lista (relax, televisione, spostamenti, sistemazione casa). Quasi tutti riescono a ricavare un po’ di spazio per le relazioni, anche se spesso sono mantenute solo a distanza (facebook, telefono, whatsapp).Tempo per le proprie passioni e per la salute, invece, sono il fanalino di coda.

Il quadro è deprimente.

Abbiamo una sola ricchezza, nella nostra vita, ed è il tempo. Per un qualche strano motivo ne spendiamo la maggior parte per lavorare, e ci compriamo così un relativo benessere economico.

Sento già qualcuno che risponde: “eh, ma i soldi servono, come si fa senza?

Certo che servono, ‘sti cazzo di soldi, ma a fare cosa? Vogliamo dirlo chiaramente, una buona volta?

I soldi non servono per fare un bel mucchio da guardare ogni tanto, o per comprare la macchina che usiamo per andare a lavoro. Servono per permetterci di fare la vita che vorremmo. Con i soldi ci compriamo la serenità di dedicarci finalmente alle cose davvero importanti.

E allora si può sapere perché cazzo sprechiamo sia il nostro tempo che quella serenità per starcene seduti al divano a guardare la televisione, a cazzeggiare su Facebook o a fare qualche altra cosa di nessuna importanza?

Se le nostre giornate fossero coerenti con le nostre priorità, dovremmo dedicarci soprattutto agli amici, all’amore, alla cura del corpo e della mente, alla crescita, alle passioni. E invece siamo qua, a buttare tempo nel cesso a palate, neanche fossimo immortali.

Come siamo arrivati a perdere di vista i nostri obiettivi in questo modo? Amici, stiamo sbagliando qualcosa, e di brutto anche.

La ricerca della felicità è fatta di grandi principi e di belle parole, ma anche di tanti piccoli gesti pratici e quotidiani.

Facciamoci un’altra domanda, allora: possiamo davvero sperare di condurre una vita felice se dedichiamo la maggior parte del tempo a cose di cui ci importa poco o nulla?

Forse dovremmo mettere anche questa risposta per iscritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.